EPDO  -  MUSEO  VIRTUALE  -  CAU  ARTE

 

 C A U Artista Italiano             Contatti

 

Artista    -    Pittore    -    Grafico    -    Editore

 

 

CAU è un autorevole artista contemporaneo, italiano, con vocazione internazionale, senza confini geografici, autore della imponente Collezione 'MUNDUS', un intero e particolare ciclo pittorico che rispecchia il suo originale quanto fecondo e unitario contenuto cosmopolita, per raccontare 'oltre', il quale compone un complesso pittorico di circa 800 tavole a formare 8 importanti pannelli dal titolo "I PAPIRI CONTEMPORANEI", pertinenti al progetto delle installazioni, quanto ipotetica impresa espositiva, relativo alle innumerevoli "MOSTRE IMPOSSIBILI" sparse nelle città del mondo.

 

Roberto Cau Artista Contemporaneo Sardo

CAU Roberto, Artista Italiano e del mondo, attivo da sempre, da oltre cinquant'anni disegna e dipinge tra Paesaggi, Trittici, Informale, Scarabei, Grafica, Arte Contemporanea MUNDUS, I Papiri  Contemporanei  ed infine le  Mostre  Impossibili.

 

Alcune tappe IMPORTANTI del suo Cammino Artistico:

CAU Arte Contemporanea MUNDUS

CAU I PAPIRI CONTEMPORANEI

Le MOSTRE IMPOSSIBILI CAU

I TRITTICI Museali Roberto CAU

Il PAESAGGIO di Roberto CAU

 

 

 

Il Percorso Pittorico Artistico CAU

Un cammino di oltre 50 anni di vita per l' Arte

 

1 - CAU - Disegni e Paesaggi Anni 60 - 70

2 - CAU - SCORCI e PAESAGGI Anni 80 - 90

3 - CAU - PAESAGGI MARINI Mediterranei

4 - CAU - I TRITTICI  Anni 1985 - 2007

5 - CAU - Metamorfosi 2000

6 - CAU - Atmosfere Nuragiche

7 - CAU - Scarabei Sacri 2005

8 - CAU - Cielo  Mare  Vento

9 - CAU - Colormente 2006

10 - CAU - Celestialmente

11 - CAU - L'Arte che non c'è 2009

12 - CAU - Scarabei Sacri 2013

13 - CAU - Scarabei Sacri 2014

14 - CAU - Tra Grafica e Gesto Pittorico

15 - CAU - Scarabei Sacri 2015

16 - CAU - Gli Scarabei di Tharros

17 - CAU - UOMINI SCARABEO 2018

18 - CAU - Conviti Uomini Scarabeo

19 - CAU - Uomini Scarabei Sacri

20 - CAU - Migranti 2020

21 - CAU - Familia

22 - CAU - Gentium

23 - CAU - Populus

24 - CAU - Bellum Pax 2021

25 - CAU - Sacrum Terrae

26 - CAU - Urbs

27 - CAU - Mare Nostrum

28 - CAU - Naturae

29 - CAU - Exodus

30 - CAU - MUNDUS

31 - CAU - I PAPIRI CONTEMPORANEI 2023

32 - CAU - Le  MOSTRE  IMPOSSIBILI

 

 

 

Collezione Opere CAU Comune di Marrubiu

 

 

 

 

Connubi Pittorici CAU

 

1 - Connubio  Cau/Biselli

2 - Connubio  Cau/Biselli/Granese

3 - Connubio  Cau/Biselli/Granese/Tronci

4 - Connubio  Pannelli Cau/Fadda

5 - Connubi vari Tematica Scarabei Sacri

6 - Connubio Cau/Garau in  Matrimoni Misti

 

Gli Artisti dei Connubi Pittorici: BiselliCasu, Cugusi, D’Alba, Deidda, Del Nista, G.Fadda, M.Fadda, Fodde, Garau, Granese, Pala, Tronci.

 

 

 

 

Roberto Cau è un artista quieto e perseverante non paragonabile per intemperanze né al Bernini tanto meno al Caravaggio. Con essi può condividere, per ispirazione, le dimensioni prospettiche delle sue tele: i trittici architettonici con vista sul golfo di Oristano delle origini; oppure la reinterpretazione di alcuni temi e soggetti rinascimentali e barocchi rivisitati attraverso le forme scarabeiche. Già lo scarabeo: una delle idee formali (una fissazione?) a cui si rifà per narrare gli ambiti della condizione umana o in chiave pseudo-archeologica, la classicità. Non a caso un’area della sua editrice sita in via Bellini 15 (Roberto Cau è anche editore) è “piccolo museo” dello scarabeo. Trovano spazio espositivo manufatti e riproduzioni di numerosi esemplari, nonché fotogrammi di esemplari originali rinvenuti a Tharros o provenienti dall’Egitto; e diverse opere in ossidiana, o altre pietre o legno di differenti dimensioni reinterpretati da artisti o artigiani della stessa provincia di Oristano; alle pareti anche qualche interpretazione pittorica dello stesso Cau del “kheperer” sacro caro ai faraoni e ai popoli mediterranei in genere. In tale contesto la funzione magica-apotropaica di eterna rinascita e felicità nel divenire sarà davvero assicurata? Lo scarabeo egizio che tanto caratterizza l’universo artistico dell’editore dell’EPDO migliorerà davvero le facoltà intuitive e spirituali dei visitatori? Il solo vedere e osservare l’amuleto sacro sarà di buon auspicio? Sarà comunque acquisizione del bello, e ogni visitatore potrà giovarsene.

   Tornando ai trittici di cui si parlava in apertura, credo sia importante puntualizzare che il loro valore espressivo non sta solo nell’aspetto estetico o nelle invenzioni degli orizzonti, quanto anche nelle architetture retrostanti -le corti ospitanti giardini ed altro- che preludono a scenari di ben altro valore, di cui la marina di Oristano avrebbe potuto giovarsi.  E’ vero il contrario, invece; e cioè che Torre Grande langua, sporcata e snaturata, cosicché le sue dune e le palme restano solo un ricordo dei più vecchi o dei dipartiti.

   Se il lungomare fosse arretrato di due isolati e le costruzioni avessero avuto fogge e caratteristiche come quelle dipinte dal Cau: che valore avrebbe, oggi, la beach di Oristano?

    Una delle ultime fatiche artistiche del pittore di via Bellini -Roberto Cau- ha come titolo “papiri”. Non perché l’artista dipinga sulla superficie scrittoria originata dalla cyperaceae, quanto perché la sua opera narrativa appare in successione -ingannevolmente- in forma di codice srotolato di papiro. E’ una belle trovata artistica quella dei “papiri”, quanto originale, che trasporta l’osservatore/lettore all’interno di mondi sconosciuti e non, che nell’erranza dei personaggi, sinteticamente tratteggiati, indaga come sempre la condizione umana nei suoi slanci conoscitivi o tragici.

    La stessa opera appare da tempo sui “social” o in rete esposta in ambiente surreale o fors’anche metafisico per la staticità dell’ambiente espressivo. E surreale perché? Per il portato narrativo onirico che, attingendo dall’irrazionale, tende a rivelare quanto di remoto, di indicibile, galleggia nella psiche? L’intento dell’artista sarà quello di esprimere una realtà superiore o quantomeno una visione più reale e demistificata della stessa?

   Nella stanza tridimensionale e virtuale che ospita i “papiri” -che non sono tali!- l’autore è seduto in bella mostra su una sedia (esibizione di se stesso o ulteriore indagatore?) e quasi si disinteressa della sua opera. Non è distratto; ha già creato. L’opera è alle spalle e intorno a lui. Cerca altro, viaggia verso le Torri Di Orion, alla ricerca di nuove ispirazioni perché è nell’azione che si crea l’opera d’arte, che non può essere puro ornamento ma disincantata storia. Storia per immagini, vere e proprie scenografie minimaliste sia cromaticamente, sia per il profilo delle figure evocate. Che concorrono a sviscerare universi desideranti o deliri d’onnipotenza propri dell’umanità.

    In un altro contesto virtuale i “papiyros” ridisegnano lo spazio in cui si ergono i monumenti; le torri di Mariano in Piazza Roma a Oristano e quella marinara di Torre Grande conferiscono all’ambiente una dimensione inusuale che in prospettiva suggeriscono la possibilità di riscrivere la fruizione dei luoghi, degli ambienti cittadini. Ancora una volta l’arte è capace di proporre scenari futuribili che possono certo migliorarci attraverso catarsi ambientali. Un concetto contiguo alla Feng Shui che concorre sempre ad abbellire la nostra vita.

   V’è una morale in tutta questa scansione artistica narrata dal CAU? Quale mistero cela, quale captazione kosmika, a che tipo di purificazione sottende? La sua arte è in linea col dettato della “Società dello spettacolo” oppure è il suo contrario che si manifesta “nell’erranza”, nel viaggio/sfida/sogno dei suoi interpreti?    

 Michele Licheri

 

 

"I trittici mi permettono di creare grandi finestre dalle quali posso vedere e vivere visivamente quello che desidera la mia anima.  Posso così spaziare con libertà spirituale e pittorica attraverso i miei giardini con particolari giochi prospettici e architettonici, con grandi pergolati, alberi, fiori, campi, il mare e gli orizzonti lontani, immersi nella natura e le sue incantevoli bellezze..."  guarda le immagini

 

 

CAU Artista Sardo Contemporaneo

CAU - La Mostra "PAPIRI CONTEMPORANEI" della Collana d'Arte MUNDUS

Mostra permanente di 8 Grandi Pannelli Artistici

 

 

Cau Artista - MUNDUS

CAU - La Collezione "MUNDUS" - N. 8 Opere Contemporanee dimensioni da mt. 5,5 di base x 0,6 di altezza.

 

 

Cau Pittore - Sacrum Terrae

CAU - "Sacrum Terrae" - Tavola n° 29 - 2021

 

 

 

Migranti - Roberto Cau

CAU - "Migranti" - Tavola n° 1 - Collana tematica dei Migranti - 2020

 

 

 

Migranti - Roberto Cau

Pubblicazioni  CAU Arte Contemporanea

 

 

 

Trittici Roberto Cau

CAU - I Trittici Italiani

 

 

Trittico Uomini Scarabei Sacri Roberto Cau

CAU - "Sacri-Uomini-Scarabei"
Trittio esposto nello Studio Museo EPDO Oristano
 
 
 
 
 
 
 
Museo EPDO - Dipinto - Scarabei - Roberto Cau
 
CAU - "Antico viaggio di Uomini-Scarabeo"
Opera esposta nello Studiolo Museale EPDO di Oristano

 

 
 

 

Museo EPDO Oristano - Bracciale in oro di Tharros - Roberto Cau
 
CAU - "Grande Bracciale con Scarabeo alato di Tharros"
Opera esposta presso  il  Museo EPDO  di Oristano
 
 
 
 
 
 
 
Roberto Cau
 
CAU - Serie  Vedute  Paesaggi  Marine Scorci  Giardini  Alberi  Arbusti
 
 
 
 
 
 
 

Roberto Cau

Grafica tra stampa e pittura di Roberto Cau - Opera esposta presso  l'EPDO Gallery di Oristano

 

 

cau artista contemporaneo italiano

CAU - Trittico esposto nel Piccolo Museo EPDO Gallery di Oristano

 

"Circa i Suoi dipinti, la tematica a quel che vedo è certamente interessante"  ( Riferito ai Trittici )

Federico Zeri

 

"I distensivi Trittici di Roberto Cau di Oristano, giardini pieni di pace e di serenità, che dialogano così liberamente col cielo, nel quale si perdono nell'infinito orizzonte "

Antonella Giunti

 

 

Roberto Cau, nato nel 1954, dipinge da sempre ed è cresciuto artisticamente ad Oristano in quanto vi risiede dal 1965. Ha iniziato ad esporre i suoi quadri dal 1974, come pittore ha all'attivo 30 personali ed ha partecipato a oltre 250 collettive. Roberto Cau ha deciso di non esporre più, attraverso una sua mostra personale, dalla fine dell'anno 1998.

 

Roberto Cau, oggi, è anche scrittore, ma soprattutto editore. Dal 2002 è fondatore della "Edizioni il Pittore D'Oro" che pubblica libri d'arte, di poesie, saggi, racconti e opere varie di autori della Sardegna e del Mediterraneo.